Progetti sociali: Talèa con MSF

 MILIONI DI PASSI

 

16 ottobre Teatro Miela – Trieste

30 ottobre Teatro Groggia – Venezia

4 dicembre Teatro Sanclemente  – Padova

2 aprile Teatro Comunale – Pergine Valsugana

MSF_A3_MILIONIDPASSI_stampa

www.medicisenzafrontiere.it – www.milionidipassi.it

PASSI ASSIEME

La collaborazione fra TaléaTEATRO e l’associazione Medici Senza Frontiere è iniziata nel 2011 con la volontà di soddisfare il bisogno di approfondire temi sociali nel teatro e di potere diffondere il lavoro di MSF anche attraverso il linguaggio artistico.

E’ nato un dialogo importante con il gruppo di MSF di Padova che si basa su un reciproco scambio di informazioni, riflessioni e stimoli che ha permesso la realizzazione di tre spettacoli teatrali portati in diverse città d’Italia.

Gli eventi sono strutturati in base al contesto e vedono la partecipazione dell’associazione MSF con i volontari del gruppo di Padova e gli operatori che lavorano sul campo per illustrare la campagna.

Erica Taffara – TalèaTEATRO – TOP

LA CAMPAGNA Milionidipassi di MSF

Mai come oggi siamo di fronte alla sofferenza e vulnerabilità di persone che abbandonano tutto ciò che hanno per salvarsi da conflitti, violenza e povertà. Il fatto che oltre 51 milioni di persone al mondo siano costrette alla fuga non ci lascia altra scelta, dobbiamo essere in movimento anche noi. Il mondo è in piena emergenza profughi: è dalla seconda guerra mondiale che non assistiamo a un esodo forzato dalle dimensioni così uniche e straordinarie.

Le persone su cui MSF accende un riflettore con la campagna #MilioniDiPassi sono persone in difficoltà che non hanno avuto altra scelta che fuggire da guerre, violenza o crisi umanitarie. Sono dei sopravvissuti che fuggono per salvarsi la vita e hanno bisogno di assistenza e protezione. Vogliamo raccontare le loro storie in circa 30 paesi in cui MSF ha avviato dei progetti per persone costrette a fuggire, in Italia ma anche nei paesi di origine e in quelli confinanti che ospitano il 95% delle persone in fuga a livello globale.

Pertanto accogliamo tutte le possibilità e gli strumenti che si offrono per raggiungere il pubblico, come lo spettacolo offerto da TelèaTEATRO –TOP.

Rosalba Sterzi, coordinatrice del Gruppo MSF di Padova

LO SPETTACOLO

Gratitudini è un monologo poetico e disincantato che mescola temi sociali di grande attualità attraverso il racconto della storia di una donna che si trova ad attraversare il mare dal nord Africa per raggiungere le coste italiane.

E’ una forte suggestione che mi ha portato a elaborare un personaggio che si aggira nel fondo del mare, uno sguardo dei vivi che restano vivi anche dopo avere incontrato faccia a faccia la morte. Un racconto al quale si alternano i testi delle lettere di operatori umanitari di Medici Senza Frontiere che riportano senza mediazione la loro testimonianza di vita in occasione dei loro interventi, testimonianze dalla campagna MSF #Milionidipassi e i testi poetici di Francesco Puccio.

Il racconto tende a risvegliare la gratitudine, un sentimento difficile da riconoscere soprattutto al giorno d’oggi; gratitudine come una grande opportunità etica per la società civile.

Si può pensare di rovesciare le prospettive degli stili di vita attuali, esposti alla frustrazione e solitamente segnati dall’ansia, nel riconoscimento sereno che l’esistenza è buona in se stessa e non ha bisogno di essere meritata, ma anche che provare gratitudine per qualcuno o qualcosa è una via di liberazione dell’energia della vita, aperta al desiderio e alle possibilità di ciascuno

Lo spettacolo, volto alla sensibilizzazione dei conflitti dimenticati in atto nel mondo, ha come tema principale quello dell’immigrazione, per questo motivo Gratitudini ha scelto di muovere qualche passo prendendo spunto dalla campagna di MSF #Milionidipassi

Erica Taffara